Main Content

Analisi dei rischi e valutazione dei pericoli in relazione ad attrezzature a pressione

Valutare rischi e pericoli significa determinare se – e se del caso quali – pericoli persistono per gli operatori attivi in prossimità di attrezzature a pressione e quali misure relative la sicurezza possono essere intraprese per garantire un posto di lavoro sicuro. Queste valutazioni sono la base per una gestione sistematica ed efficace della sicurezza e della salute.

Analisi dei rischi (analisi dei pericoli)

In Svizzera, per la messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione, è determinante la direttiva 2014/68/UE (in precedenza 97/23/CE). Questa direttiva è stata ripresa nel diritto svizzero sotto la Legge Federale per la sicurezza dei prodotti (LsPro, RS 930.11) ed è di conseguenza applicata anche sul territorio elvetico. Nel capitolo “Requisiti essenziali di sicurezza” (allegato 1, cifra 3) viene espressamente richiesta l’esecuzione di un’analisi dei rischi (o analisi dei pericoli):

„Il fabbricante ha l’obbligo di analizzare i pericoli e i rischi per individuare quelli connessi con la sua attrezzatura a causa della pressione e deve quindi progettarla e costruirla tenendo conto della sua analisi.“

L’analisi dei rischi viene elaborata durante le fasi di fabbricazione di una nuova attrezzatura a pressione e, di regola, si conclude con la messa a disposizione sul mercato dell’oggetto. Il documento prodotto è parte integrante della documentazione interna del fabbricante e resta presso il fabbricante anche dopo la messa a disposizione sul mercato.

Valutazione dei pericoli

Le basi giuridiche e le direttive essenziali per la valutazione dei pericoli legati ad attrezzature a pressione così come le misure da intraprendere per la loro prevenzione sono notoriamente le seguenti:

  • Legge federale sull’assicurazione contro gli infortuni (LAINF, RS 832.20), art. 81 e segg.
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI, RS 832.30), art. 47 e segg.
  • Legge federale sul lavoro nell’industria, nell’artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro, LL, RS 822.11), art. 40 e segg.
  • Ordinanza 3 concernente la legge sul lavoro (OLL 3, RS 822.113)
  • Ordinanza sulla sicurezza e la protezione della salute dei lavoratori nell’utilizzo di attrezzature a pressione (OUAP, RS 832.312.12) risp. Direttiva CFSL 6516 „Attrezzature a pressione“
  • Direttiva CFSL 6508 concernente il ricorso ai medici del lavoro e agli altri specialisti della sicurezza sul lavoro (Direttiva MSSL)“

Nel quadro degli obblighi generali (art. 3-10 OPI e art. 3-9 OLL 3) tutti i collaboratori sono tenuti a riconoscere i pericoli inerenti la sicurezza e la salute presenti all’interno dell’azienda e ad adottare le misure di protezione necessarie e i correttivi richiesti secondo lo stato della tecnica.

Per pericoli che non possono essere eliminati, il responsabile per la messa a disposizione sul mercato deve assicurarsi che vengano identificati come rischi residui nell’analisi dei rischi e riportati nel manuale d’uso. L’utilizzatore ha l’obbligo – in aggiunta a quanto già presente nella dichiarazione di conformità e nelle istruzioni d’uso – di valutare tutti i pericoli derivanti dall’istallazione e dal tipo di utilizzo dell’attrezzatura a pressione.

Ai sensi della OPI, art 11a, paragrafo 2 inoltre, se la protezione della salute dei lavoratori e la loro sicurezza lo esigono, oppure se l’azienda è priva al suo interno delle conoscenze richieste, il datore di lavoro deve fare appello a medici del lavoro e a specialisti della sicurezza sul lavoro.

Quando deve essere eseguita una valutazione dei pericoli ad una attrezzatura a pressione?

In accordo con la OPI, art. 49, paragrafo 2, le attrezzature a pressione sono soggette alle disposizioni della normativa sulla prevenzione degli infortuni professionali. I datori di lavoro sono pertanto obbligati ad effettuare una valutazione del rischio per il funzionamento di tali apparecchiature, in particolare quando si tratta dell’installazione di nuove attrezzature a pressione o quando le condizioni sono cambiate rispetto all'ultima valutazione. Per quanto riguarda attrezzature a pressione già in funzione questo è il caso quando:

  • vengono apportate modifiche significative al recipiente a pressione o al suo sistema di controllo/comando,
  • venga raggiunta la durata di servizio prefissata dei componenti,
  • vengono apportate modifiche, p.es. modifiche strutturali, o viene fatta una riconversione all’area di lavoro,
  • in caso di adeguamenti organizzativi come modifiche per l’autorizzazione d’accesso, picchetti, ecc.

Riepilogo

Entrambi i metodi, sia l’analisi dei rischi che la valutazione dei pericoli, servono ad identificare e valutare potenziali pericoli:

  • nell’analisi dei rischi, il fabbricante prende in considerazione i pericoli che derivano da un apparecchio / da una attrezzatura; di solito termina con la messa a disposizione sul mercato.
  • Nella valutazione dei pericoli sono presi in considerazione tutti i tipi di pericolo che si possono manifestare nell’ambito lavorativo del datore di lavoro (utilizzatore dell’attrezzatura a pressione). Il rischio rappresentato da un’attrezzatura a pressione è legato al suo ciclo di vita e alle sue condizioni d’istallazione e d’utilizzo e possono cambiare in qualsiasi momento. La valutazione dei pericoli deve pertanto essere verificata regolarmente in base allo stato effettivo delle cose.

N.B.: i rischi residui identificati nell’analisi dei rischi devono essere riportati nel manuale d’uso. Di conseguenza il manuale d’uso deve essere utilizzato per la valutazione dei pericoli inerenti un'area di lavoro in cui viene utilizzata un’attrezzatura a pressione.

Assistenza da parte dell’Ispettorato delle caldaie dell’ASIT

Quando si tratta della sicurezza di attrezzature a pressione fisse o mobili, l'Ispettorato delle caldaie dell’ASIT è a vostra disposizione. L'ispettorato delle caldaie dell’ASIT ha le competenze richieste dalla direttiva CFSL 6508 e, come organizzazione specializzata, può essere consultato per una valutazione dei pericoli.

Siamo volentieri a disposizione per informazioni supplementari o per una offerta senza senza impegno.

 

 

Contatto

Davide Capella

ASIT Associazione svizzera ispezioni tecniche
Ispettorato delle caldaie
Richtistrasse 15
8304 Wallisellen
Telefono +41 79 925 40 32
E-Mail davide.capella@svti.ch

Per ulteriori informazioni

Lettera informazione: Analisi dei rischi v. valutazione die pericoli

Lettera informazione: Analisi dei rischi v. valutazione die pericoli

CFSL - Agenzia EU-OSHA: Valutazione dei rischi

Con «Ambienti di lavoro sani e sicuri. Un bene per te. Un bene per l’azienda» l’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro (OSHA) ha lanciato una campagna sulla valutazione del rischio sul posto di lavoro. La campagna si indirizza in particolare ai settori ad alto rischio e alle piccole e medie imprese (PMI). L’obiettivo è quello di sensibilizzare tutti coloro che sono implicati nel processo di lavoro a individuare ed eliminare i rischi e prendere le relative misure. E quindi a ridurre notevolmente gli infortuni sul lavoro nell’UE.

Se la valutazione dei rischi – punto di partenza per una gestione della sicurezza e della salute sul lavoro – non viene effettuata in modo accurato o non viene effettuata per niente, non può essere attuata nessuna misura di protezione adatta. La valutazione dei rischi è un processo che permette alle aziende di adottare in modo specifico delle misure prima che insorga un problema. Per questo la valutazione dei rischi è essenziale in quanto chiave per garantire ambienti di lavoro sani e sicuri. 

(link esterno)

CFSL 6516 Attrezzature a pressione

Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL
CFSL 6516 Attrezzature a pressione

(link esterno)

CFSL 6512 Attrezzature di lavoro

Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL
CFSL 6512 Attrezzature di lavoro

(link esterno)

CFSL 6508 Direttiva concernente il ricorso ai medici del lavoro e agli altri specialisti della sicurezza sul lavoro

Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL
CFSL 6508 Direttiva concernente il ricorso ai medici del lavoro e agli altri specialisti della sicurezza sul lavoro

(link esterno)

6517 Gas liquefatti

Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL
CFSL 6517 Gas liquefatti

(link esterno)

Direttiva di attrezzature a pressione 2014/68/UE

Direttiva 2014/68/UE del parlamento europeo e del consiglio del 15 maggio 2014 concernente l’armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative alla messa a disposizione sul mercato di attrezzature a pressione.

(link esterno)

RS 822.11 Legge sul lavoro (LL)

Legge federale sul lavoro nell'industria, nell'artigianato e nel commercio
RS 822.11 Legge sul lavoro (LL)

RS 822.113 Ordinanza 3 concernente la legge sul lavoro (OLL 3)

RS 822.113 Ordinanza 3 concernente la legge sul lavoro (OLL 3)

(link esterno)

RS 832.20 Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF)

RS 832.20 Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF)

(link esterno)

RS 832.30 Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OIP)

Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali
RS 832.30 Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OIP)

(link esterno)

RS 832.312.12 Ordinanza sull'utilizzo di attrezzature a pressione

Ordinanza sulla sicurezza e la protezione della salute dei lavoratori nell'utilizzo di attrezzature a pressione
RS 832.312.12 Ordinanza sull'utilizzo di attrezzature a pressione

(link esterno)

RS 930.114 Ordinanza sulle attrezzature a pressione (OSAP)

Ordinanza sulla sicurezza delle attrezzature a pressione
RS 930.114 Ordinanza sulle attrezzature a pressione (OSAP)

(link esterno)